Cuori verdi d’Europa INFO

www.zielonesercaeuropy.pl

Giorni di Zawada

Il 19 settembre 2010 sullo stadio GLKS Echo Zawada è stato organizzato un festino. La festa è cominciata alle 11 da una partita di calcio delle squadre scolastiche Orlik. La squadra di Zawada ha vinto il torneo. Alle 13 il festino è stato ufficialmente aperto. Gli allievi del Ginnasio Non Pubblico Jan Kochanowski e della scuola elementare Maria Konopnicka si sono esibiti presentando le opere dei loro partoni. Inoltre, gli allievi del ginnasio hanno fatto riferimento al Rinascimento ballando il minuetto. Per di più, le signore dei Circoli di Padrone di Casa hanno preparato uno squisito rinfresco per i partecipi composto dai piatti diversi e dalle diverse insalate tra le quali la giuria ha scelto una migliore. In seguito, il coro Sitanianie di Sitaniec ha dato il concerto. L’evento successivo del festino era una gara sportiva nella quale hanno partecipato dei membri delle diverse organizzazioni che operano nel nostro comune, studenti, genitori, direttori delle scuole, i rappresentanti della giunta del villaggio  con il capovillaggio, il signor Syl­we­ster Dobro­mil­ski e la preside di KGW, la signora Teresa Duda. Tutte le squadre hanno dimostrato un grande senso di concorrenza e le gaffe dei partecipi hanno suscitato tante risate. Alla fine, si è esibito il nuovo gruppo musicale SHINE da Zawada.  Tutti hanno avuto un tempo bellissimo, ma purtroppo visto il tempo abbastanza freddo e il fatto che faceva tardi, hanno dovuto ritornare a case.

Un altro evento organizzato durante i giorni di Zawada era una bacheca intitolata ‘Il paesaggio culturale’ nel quadro del programma ‘Cuori verdi d’Europa. La promozione dei valori culturali e turistici del comune di Zamość’  cofinanziato dai fonti dell’Unione Europea. Zawada è una località di una storia ricca, con tanti preziosi ricordi del passato tra i quali: ben conosciuto vecchio mulino di costruzione prussiana a legno che si trova al centro del villaggio, antichi casolari popolari, restanti del podere e tanti altri edifici.

Agnieszka Gawron


Odwiedzin:
48451